I Germogli: i Semi della Vita

I Germogli: i Semi della Vita

germogli I Germogli: i Semi della Vita

I germogli: il frutto della vita

Ho chiamato i Germogli i Semi della Vita.

Perchè  ho voluto dare loro questo nome?

Devi sapere che la germinazione di semi ha origini antichissime: i primi raccoglitori del paleolitico mangiavano molti germogli.

Vorrei sottoporti in articolo che parla di longevità, infatti ho scoperto che esiste una popolazione che ha destato scalpore ed è divenuta famosa proprio perchè si ciba frequentemente di germogli: si tratta degli Hunza che sembra vivano oltre i 130 anni! (http://www.alimentazione-benessere.it)

Torniamo a noi e ai fantastici semi magici…

Il seme in alcune particolari condizioni di temperatura e umidità si attiva e germoglia, ragion per cui tu a casa potrai fare il tuo piccolo raccolto di germogli buoni da mangiare!

 

Le proprietà dei giovani germogli

Il seme contiene numerosi enzimi ma anche numerose sostanze nutritive, e tutto ciò lo puoi trovare appena il seme germoglia ed emette la prima radichetta e in seguito le prime foglioline.

I germogli giovani contengono vitamine, oligoelementi, aminoacidi essenziali e clorofilla che è benefica perchè favorisce le funzioni digestive, migliora la circolazione e rilassa il fegato. Gli enzimi che si sono attivati nella fase di germinazione fanno sì che le sostanze presenti nel germoglio siano pre-digerite.

Cosa significa predigerito?

Significa che le proteine vengono scisse in elementi maggiormente metabolizzabili dal tuo corpo quando li vai a mangiare. Infatti devi sapere che gli amidi vengono trasformati e assorbiti al fine di dare nutrimento al germoglio, mentre le proteine vengono “predigerite” trasformandosi in aminoacidi.

 

Anche se non sembrerebbe, devi sapere che i germogli (non solo i semi) sono per te una fonte enorme di energie in quanto contengono molti carboidrati, e hanno pochissimi grassi dunque vanno benissimo per le diete, se devi perdere peso in poco tempo.
Infatti i carboidrati presenti nei germogli vengono trasformati in zuccheri semplici e come sai sono facilmente assimilabili e conferiscono velocemente l’apporto nutritivo di cui hai bisogno.
I germogli sono una fonte importantissima di sali minerali che vengono combinati con gli amminoacidi, diventando preziosissimi per il tuo organismo.

Devi sapere che i germogli hanno proprietà riparative e rigeneranti, e degli studi dimostrano che contengono delle sostanze anticancerogene in quanto basificano l’organismo (Dottor Robert Young http://www.phmiracleliving.com/).

 

Come usare i giovani Germogli?

 

I semi sono utilizzati per lo più crudi, per guarnire piatti o in insalata, e sono ricchi principalmente di vitamine del gruppo B.

Sì, crudi! Lo scopo dei germogli è principalmente quello di introdurre nel tuo corpo sostanze vitali sia dal punto di vista energetico, sia da quello nutrizionale (vitamine, minerali, ecc.)

Nella germinazione le vitamine addirittura raddoppiano rispetto al contenuto presente nel seme inizialmente, per poi diminuire man mano che la pianta diventa adulta. In particolare la vitamina A, dopo 3 giorni di germinazione fa registrare un +370%, mentre i minerali contenuti nei germogli sono presenti in forma organica e quindi più facili da assimilare.

 

Semi I Germogli: i Semi della Vita

Un germoglio appena sbocciato dal seme

 

Differenti tipi di Germoglio

 

I germogli più noti sono forse quelli di soya e si ottengono facendo germogliare il seme del fagiolo mung verde (non dalla soya). Esistono anche il fagiolo rosso (azuki) e quello giallo (soya comune).

  • Alfalfa o erba medica: hanno molte vitamine e a amminoacidi essenziali.
  • Cavolo rosso: dal colore viola, un pò speziato-piccante, sa effettivamente di cavolo e ha le proprietà antiossidanti del cavolo.
  • Cavolo broccolo: è molto buono, ha il sapore tipico dei cavoli, ma è meno piccante del cavolo rosso.
  • Porro: sa di cipolla e ha de proprietà ottime di questo frutto, senza lo sgradevole odore molto forte della cipolla.
  • Ravanello: hanno un gusto veramente piccante, un ottimo sapore, e sono di colore rosso. Aggiunti alle insalate sono ottimi!
  • Bietola: sapore non molto deciso, dolce, è molto bello da vedere perchè spicca il colore rosso tipico della bietola rossa.
  • Finocchio: il colore del germoglio è verde, è un seme molto leggero, digestivo come del resto il frutto; il sapore è tipico del finocchio.
  • Pisello: cresce molto anche perchè è un legume ed il seme è molto grande, più di quello di soya. Ha un sapore delicato.
  • Senape: è piccantissimo; attenzione: da mangiare solo in insalata!
  • Crescione: è uno dei miei semi preferiti, facile da coltivare, è della categoria dei semi mucillagginosi (fa una leggera gelatina) ed è parecchio piccante e ha un gusto intenso e ben definito.
  • Lino: è forse il seme più interessante per via dei contenuti di omega-3 e 6, aiuta a mantenere il colesterolo basso, è molto buono ma molto molto, molto difficile da coltivare in quanto è estremamente mucillagginoso e ammuffisce facilmente. Non posso non sconsigliartelo se non sei un esperto coltivatore di germogli.

Per i germogli piccoli puoi mangiare anche il seme (se ti piace), mentre per quelli più grandi, come quelli dei legumi, puoi tenere sono il germe e buttare il resto, oppure puoi spadellarli qualche minuto per ammorbidirli.

Come ottenere Ottimi Germogli

 

germogliatore I Germogli: i Semi della Vita

Un germogliatore di semi in terracotta

Procurati un germogliatore di semi (io ne ho di 3 tipi): io ti consiglio quello in terracotta, che rispetto a quello in plastica è più facile da gestire in quanto mantiene una certa umidità e auto-regola il bisogno di un ambiente umido.

Dovrai inserire i semi in un vasetto di vetro e coprirli interamente con acqua pura (non clorata) per 7/8 ore (meglio se fai questa operazione di notte) per far si che si gonfino e li dovrai lasciare in ammollo una notte così da attivare la parte vitale e dare l’input per la crescita del germoglio.

Il mattino dovrai scolarli, li sciacqui nuovamente e li andrai a disporre in tutto il piano del germogliatore, senza però bagnarli troppo (stai bene attento a non farli marcire). Non fare neanche l’errore opposto ossia quello di non dar mai da bere, si seccheranno e moriranno! Il germogliatore dovrai posizionarlo in penombra oppure completamente al buio (devi cioè ricreare l’ambiente naturale della terra fatto di buio, temperature pressochè stabili e umidità). Dovrai munirti di acqua buona (non quella del rubinetto) e tenere il germogliatore tra i 16 e i 26 gradi centigradi.

Esistono in vendita anche germogliatori in plastica o in juta, che sono secondo me meno indicati per la coltivazione.

Il Germogliatore di semi: i Video

 

Ti invito a guardare i video che seguono, a tentare di coltivare in casa i germogli e poi chiamami, scrivimi o lasciami giù un commento della tua esperienza.

 

I Germogli nel Germogliatore di Semi – parte 1

0 I Germogli: i Semi della Vita

-

***

.

I Germogli nel Germogliatore di Semi- parte 2

0 I Germogli: i Semi della Vita

Attenzione: ti ricordo che i germogli crescono molto meglio da marzo a ottobre, ragion per cui ti sconsiglio di preparare i germogli nei mesi freddi, ma in quelli primaverili/estivi nei quali le energie vitali favoriscono la crescita dei germogli

Se hai gradito “I Germogli, il Seme della Vita” dammi il tuo parere, racconta i risultati che hai ottenuto dai tuoi germogli, e se vuoi condividi questo post con  i tuoi amici sui tuoi social network preferiti.

Dunque non posso non Augurarti un Buon Raccolto!

 

5 Responses so far.

  1. Federica scrive:

    Ciao Giovanni,grazie per i video, vorrei farti una domanda: io ho il tuo stesso germogliatore in terracotta, ma ho avuto problemi sia con gli alfa alfa che con la soia, le radicette mi diventano scure, il problema è la troppa umidita? In realtà io bagno una volta al mattino e una la sera, ma non con lo spruzzino, ma con l’acqua a caduta.Il problema si è presentato sia in questo periodo che a primavera.
    Grazie, Federica

    • GIOVANNI NANI scrive:

      ciao Federica,
      si, anche io avevo gli stessi problemi all’inizio.
      I risultati dipendono moltissimo dalla temperatura e dalla stagione.
      Io adesso che siamo alle porte dell’inverno quando vado a bagnare i semi, li metto in ammollo per 7/8 ore, poi li stendo sulla terracotta e chiudo i coperchi così che non passi la luce.
      Poi non li bagno più.
      Nel giro di un giorno massimo li vedrai germogliare, poi quando i germogli saranno belli compatti , riuscirai a spostarne molti assieme, magari prendendoli a ciuffi, o molto spesso vedrai che si formerà un tappeto verde omogeneo.
      Spesso mi capita di girarli, di bagnarli a seconda se li vedo che son troppo umidi e troppo secchi..
      Serve molta molta sensibilità.
      A breve girerò un nuovo video così da essere più chiaro e farti vedere meglio quello che intendo dire , perchè in questi video del post in questione non ero ancora molto bravo :)
      Sperimenta, Sperimenta, poi…fammi sapere come va.
      Ciao, Giovanni

      • Federica scrive:

        Grazie Giovanni…consigli preziosi i tuoi! Intanto, cimentandomi con lo spruzzino che ti ho visto usare, sono riuscita a germogliare senza muffe sia alfa alfa che soia! Avrei però un altro quesito…come si fa a pulirli dalla “buccia” che gli resta attaccata? ma soprattutto…va tolta? Quando si acquistano i germogli sono lindi!
        Grazie ancora, Federica

  2. Giada scrive:

    Grazie x l articolo molto dettagliato! Vorrei gentilmente chiedere se si possono mangiare i germigli di carciofo e se si eventualmente dove trovarli e come prepararli, visto che nel web non ho molte informazioni grazie

    • GIOVANNI NANI scrive:

      ciao Giada,
      grazie del tuo commento.
      Sebbene davvero sia un pò anomalo ( mai nessuno mi aveva posto questa domanda prima d’ora), io credo che si possano tranquillamente produrre germogli di carciofo, basta che ti procuri il semino.
      Attenzione: siccome bio non mi risulta che esista un seme da germogliare, non ti arrischiare a prenderlo non bio da semina, perchè potrebbe avere dei conservanti/veleni per allungare la vita del seme.
      Che sappia io non ho mai visto nè sentito nessuno germogliare il carciofo, ma proprio per questo tu potresti essere la prima persona.
      Non mi assumo la responsabilità per i tuoi esperimenti, ma secondo me il germoglio di carciofo potrebbe risultare molto valido in questa stagione di liberazione dalle tossine e di ri-fiorire della vita e della luce primaverile.
      Sappimi dire ok?
      ciao Gio

Follow

Get every new post delivered to your Inbox

Join other followers

WordPress SEO